GOGO ZANEMVULA

“colei che porta la pioggia”

Francesca Pozzan

Gogo Zanemvula, ‘colei che porta la pioggia’, Sangoma, guaritrice tradizionale del  Sudafrica. 

Lavora con la medicina ancestrale, gli spiriti delle piante, le ossa , la danza estatica, la cerimonia. 

E’ rinata Gogo Zanemvula nella tribù Pondo in Sud Africa dove ha affrontato gli  apprendistati e iniziazioni tradizionali e ha risposto alla chiamata degli antenati. E’ sangoma di lignaggio Nwangula, portatrice della medicina del leopardo che fa parte  di un lignaggio sciamanico africano ininterrotto da millenni.

Cammina nella strada del risveglio del cuore e della meraviglia del momento  presente e considera VOLONTÀ, FEDE, DEVOZIONE E RESPONSABILITÀ le chiavi per aprire le porte. 

E’ al servizio e porta la medicina della Terra attraverso pratiche ancestrali di guarigione e purificazione. Ti accompagna nel cammino di purificazione delle ferite ancestrali, delle cristallizzazioni della personalità, delle credenze, delle eredità, per fare un salto nel Mistero, alla scoperta della tua vera natura.

Ma cos’è un Sangoma?

Siamo guaritori, sciamani tradizionali dei popoli Nguni in africa meridionale.  Letteralmente “la persona che guarisce con la musica” perché danziamo , suoniamo i tamburi e cantiamo con gli antenati (Amadlozi).

Eseguiamo rituali, canalizziamo, lavoriamo con i sogni, gli spiriti delle piante, degli animali e gli elementi. Sono diversi antenati e spiriti della natura a guidare il nostro lavoro di guarigione.

Francesca Pozzan Travel Designer

Cosa vuol dire Ubuntu?

È la legge etica che ci guida. 

È una regola basata sulla compassione, il rispetto dell’altro. Umuntu ngumuntu  ngabantu: “io sono ciò che sono in virtù di ciò che tutti siamo”. 

L’ubuntu esorta a prendere coscienza che siamo UNO, a guardare non solo i propri diritti, ma anche i propri doveri. Ubuntu è una spinta ideale verso l’umanità, la  comunità, la madre terra e l’universo, la pace e l’ equilibrio.

Francesca Pozzan Professione Travel Designer

Gratitudine

Gratitudine verso gli antenati e grandi benedizioni alla mia famiglia spirituale, mio padre Kulelethongweni, mio nonno Tobelathongo, Vanghethongo, Hildegarde e  mama Nolungile.

Avete aperto la mia strada e il mio cuore con l’amore dei maestri e  vi sono infinitamente grata.

Makhosi

Cammina con me

“Siamo chiamati a risvegliare la memoria ancestrale e incarnarci davvero in questo corpo di luce per vivere la nostra chiamata e missione nell’imprevedibile meraviglia della pura presenza”

Sessione
Lettura delle ossa

Percorsi
individuali

Percorso “la medicina della terra”

Pin It on Pinterest